Progetto UIA - Urban Innovative Actions

UIA head

OPENAGRI, “new skills for new jobs in peri-urban agriculture” è il progetto europeo portato avanti dal Comune di Milano incentrato sul tema del lavoro e delle competenze nell’economia locale.

Il progetto si sviluppa nel paesaggio di frangia urbana vicino al Parco Agricolo Sud Milano dove si verrà a creare un nuovo centro per l’innovazione aperta - un Open Innovation Hub nel capo dell’agricoltura periurbana - per ricostruire un legame forte tra produzione e accesso al cibo, in grado di coniugare cultura, miglioramento del sistema alimentare e imprenditoria giovanile

Il progetto, che ha preso avvio nel Novembre 2016 e terminerà ad Ottobre 2019, è finanziato tramite il nuovo bando U.I.A. (Urban Innovative Actions) della Commissione europea dedicato all’innovazione nelle città e a sostegno di progetti pilota che puntino a sperimentare idee innovative per affrontare sfide urbane rilevanti per il futuro dell’UE.

Il processo di selezione ha riguardato 378 proposte provenienti da tutta Europa su 4 temi strategici; i progetti finanziati sono stati 18, di cui 4 presentati da città italiane.

Siamo molto soddisfatti – ha dichiarato il sindaco Giuseppe Sala -. Milano conferma di essere una città dal respiro internazionale, in grado di proporre progetti di qualità, sostenibili dal punto di vista sociale e urbano. Ottenere un finanziamento europeo di tale valore è senza dubbio una buona notizia per l'Amministrazione. Abbiamo la possibilità di intervenire concretamente su alcuni fronti prioritari per la crescita della nostra città: lo sviluppo delle periferie, il sostegno alle imprese e l'attuazione della food policy. Investiremo nella riqualificazione della antica cascina Nosedo, per realizzare all'interno dell'area di 'Porto di mare' un polo attrattivo capace di ospitare iniziative imprenditoriali giovani e start-up innovative nel campo agroalimentare".

 

1

 

Il bando richiedeva:

  • soluzioni innovative, creative e durature che mettano in campo l’expertise dei diversi stakeholder pertinenti
  • forti partnership locali tra autorità urbane e un buon mix di partner complementari, coinvolti attivamente: agenzie, università, ONG, imprese o altre autorità pubbliche
  • potenziale di trasferibilità delle soluzioni innovative proposte
  • progetti di 3 anni max

 

2